Berlino con bambini, quinto giorno: East Side Gallery, Volkspark Friedrichshain e visita al tramonto del Reichstag.

Il nostro quinto giorno a Berlino è stato forse il mio preferito. Mattinata colorata nella East Side Gallery, pranzo nel quartiere multietnico e alternativo di Kreuzberg, relax nel fiabesco giardino Volkspark Friedrichshain, cena da Maredo e per finire, al tramonto, visita del Parlamento e della sua cupola in vetro con una vista splendida su Berlino.
EAST SIDE GALLERY
Scendiamo alla fermata della metropolitana Warschauer Straße e dopo pochi minuti arriviamo dove inizia la East Side Gallery, dalla parte del famoso ponte Oberbaum Bridge.  Potete anche scendere alla fermata della stazione Berlin Ostbahnhof e percorrerla nel senso contrario.berlino 419La East Side Gallery è un tratto del Muro di Berlino lungo 1,3 Km che si trova nella ex Berlino Est e più precisamente in Mühlenstrasse. E’ la più lunga galleria d’arte del mondo all’aperto, interamente dipinta con murales originali di diversi artisti, chiamati, o accorsi da tutto il mondo, a testimoniare e ad interpretare la Caduta del Muro nel 1990 e la fine della Guerra Fredda.berlino 415berlino 385Le opere sono una celebrazione di pace, di libertà e di gioia di quei giorni che hanno cambiato, per fortuna, il mondo. Immagini surreali, slogan politici che si susseguono per quasi un chilometro e mezzo.

Alcune di queste opere sono diventate molto famose e popolari tanto da trovarle nei libri di scuola o stampate come souvenirs.berlino 382Chi non ha mai visto per esempio Fraternal Kiss di Dmitri Vrubel, che raffigura Erich Honecker e Leonid Breznev, i due leaders comunisti, che si danno il bacio fraterno socialista?

berlino 403
Mio Dio aiutami a sopravvivere a questo amore mortale

Oppure la famosa Trabant, la macchina del regime comunista, che apre un varco nel muro in segno di libertà?

berlino 424
Test the Rest – Birgit Kinder

E i visi naif e colorati con le grandi labbra di Thierry Noir? berlino 421Tutto il muro, che costeggia il fiume Sprea, è considerato monumento protetto e i murales, quando sono danneggiati dal tempo e dall’inquinamento, vengono restaurati.
All’inizio della passeggiata, o alla fine, dipende da dove uno parte, si può scorgere il maestoso ponte rosso Oberbaum. In passato è stato un punto di confine tra le due Berlino; oggi è su due livelli: in quello superiore passa la metropolitana e quello inferiore è pedonale. E’ rivestito tutto in mattoni rossi, ha guglie ed elementi un po’ gotici.. da vedere!berlino 391.JPG

A questo punto, affamati, ci siamo diretti a mangiare in zona Kreuzberg.
IL QUARTIERE DI KREUZBERG
In questo quartiere, vivace e multietnico, abbiamo mangiato una piadina buonissima e poi abbiamo fatto una veloce passeggiata nella zona di Kottbusser Tor, soprannominata anche la Piccola Istanbul. A ragione direi. Ovunque negozi e ristoranti turchi che contribuiscono a dare un’atmosfera un po’ mediorientale. berlino 440berlino 438Ora se si rimane nella centrale, colorata e speziata Adalbertstraße tutto bene, ma non mi sentirei troppo sicura ad allontanarmi e a prendere strade collaterali.
VOLKSPARK FRIEDRICHSHAIN
Il pomeriggio lo abbiamo trascorso quasi interamente in questo antico ed elegante parco. Tra l’altro è il primo parco comunale di Berlino, aperto nel 1840 e intitolato al re prussiano Federico II. Dopo la Seconda Guerra Mondiale son state fatte anche due colline… con i detriti delle case bombardate! Quando si dice il riciclo!berlino 445Una volta entrati non sembra nemmeno di essere nel mezzo di una metropoli come Berlino: silenzio, tranquillità e verde ovunque. Un’oasi di pace nel cuore di una capitale. Per questo ci abbiamo trascorso molto tempo in relax. Berlino è una città bellissima ma anche molto “faticosa” nel visitarla con dei bambini, soprattutto con i nostri ritmi sostenuti, quindi non c’è sembrato vero di stare qui a non fare assolutamente niente mentre i bambini giocavano in un parco giochi che qui è la normalità, da noi un’eccezione. Carrucole, case degli indiani e percorsi.berlino 452

In questo parco, oltre a questa area per bambini, si trovano spazi per attività sportive, campi da tennis, chioschi dove mangiare o bere, un laghetto, un teatro all’aperto dove d’estate vengono fatti concerti, un cinema, etc. Ma questo parco è famoso anche per la sua particolare fontana: la Fontana delle Fiabeberlino 469Una fontana terrazzata dove rane e tartarughe sguazzano insieme ai personaggi delle fiabe dei Fratelli Grimm. Con i bambini è divertente provare a riconoscere i personaggi e scoprirete anche voi, son sicura, che non è per niente facile! O sennò siamo noi rintronati, il che ci sta tutto.
Usciti dal giardino, quasi all’ora del tramonto, Berlino aveva una luce meravigliosa. Tutto brillava e sembrava più bello.berlino 471berlino 478Ripresi dalle fatiche siamo tornati a cena per la seconda volta da Maredo, nel viale Unter Den Linden, vicino alla Porta di Brandeburgo.  Gli hamburger e le patatine sono buoni ma anche gli altri piatti, come il riso o la carne alla griglia, in più danno un regalino ai bambini. C’è possibilità di mangiare sia al chiuso che all’aperto; scegliendo la prima opzione ti danno anche la copertina. Insomma, la classica steakhouse perfetta per le famiglie! Ma c’erano anche tantissime coppie.
REICHSTAG
berlino 481Alle 21 avevamo prenotato la visita al Reichstag che oggi ospita il Parlamento federale (Il Bundestag). Passati i controlli di sicurezza, abbiamo preso un ascensore che ci ha portato all’ingresso della meravigliosa cupola di vetro progettata da Lord Norman Foster. Qui danno gratuitamente un’audioguida che spiega la storia travagliata di questo edificio: incendi, bombardamenti e ricostruzioni. Mentre si ascolta la spiegazione si sale fino in cima alla cupola godendo di un panorama unicoberlino 485berlino 486berlino 508La visita è completamente gratuita ma bisogna prenotarla prima, anche con diverso anticipo, specie nei mesi estivi o durante le feste. Si prenota sul sito www.bundestag.de. Ai controlli ricordatevi di portare, oltre alla prenotazione, anche un documento di identità altrimenti non vi fanno passare. Se non avete prenotato prima, al Servizio Visitatori c’è la possibilità di sapere se ci sono per il giorno stesso e fino ai due giorni successivi ancora posti. berlino 517berlino 561Questa visita ci è piaciuta tantissimo e mi sento di consigliarla anche con i bambini che ne sono rimasti affascinati. L’ora del tramonto poi è stata veramente tattica perchè c’è meno gente e vedere Berlino che piano, piano accende le sue luci è stato qualcosa di magico.
Qui i nostri consigli per pianificare una vacanza a Berlino con i bambini:
Una settimana a Berlino con bambini: cosa fare e info pratiche.
Qui tutti i nostri itinerari, giorno per giorno, a prova di bambini:
Berlino con bambini, primo giorno: Potsdamer Platz, Sony Center, Legoland e Panoramapunkt
Berlino con bambini, secondo giorno: Alexanderplatz, Torre della TV, Aquadom e DDR Museum
Berlino con bambini, terzo giorno: Giro della città col Bus 100, Zoo e Chiesa della Commemorazione
Berlino con bambini, quarto giorno: Checkpoint Charlie, Porta di Brandeburgo, Holocaust Mahnmal e Pergamonmuseum.

Autore dell'articolo: Elisa

19 commenti su “Berlino con bambini, quinto giorno: East Side Gallery, Volkspark Friedrichshain e visita al tramonto del Reichstag.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *