Berlino con bambini, secondo giorno: Alexanderplatz, Torre della TV, Aquadom e DDR Museum

Il nostro secondo giorno a Berlino inizia da Alexanderplatz e finisce al tramonto camminando lungo la Sprea, il fiume che attraversa Berlino. L’intero itinerario non è lungo – meno di due chilometri – perchè le cose da vedere sono tutte vicine. E’ quindi fattibile anche con bambini a cui non piace molto camminare ma che ormai sono grandicelli per il passeggino. Ci sono molte aree dedicate a loro: dai tappeti elastici sotto la Torre della Televisione ai giochi d’acqua di fronte alla Fontana del Nettuno, da un Acquario molto particolare ai prati, sabbiere e giardini pubblici attrezzatissimi.

ALEXANDERPLATZberlino 073Arriviamo in questa grande piazza direttamente con la metropolitana. E’ presto, siamo mattinieri nostro malgrado, e la troviamo in pratica deserta. E’ circondata da alti e moderni edifici un po’ anonimi e da famose catene di abbigliamento. Più che per la piazza in sè, Alexanderplatz è conosciuta per i suoi due famosi simboli: la Torre della Televisione e l’Urania Weltzeituhr – l’ orologio universale.
E’ un punto di ritrovo per i giovani berlinesi e d’incontro tra molte persone. Alcuni si fermano a sedere sugli scalini: c’è chi ascolta musica, chi parla vivacemente e addirittura chi gioca a pallone. Sicuramente è un luogo in cui si avverte tutta la multiculturalità e multietnicità di Berlino.berlino 087Foto di rito sotto l’Orologio Universale che è stato installato qui nel 1969 quando questa parte di Berlino faceva parte della Germania dell’Est. Si possono leggere tutti e 24 i fusi della Terra con i nomi delle relative 24 città.berlino 089
TORRE DELLA TV
Poco più avanti svetta imponente la Torre della Televisione – Fernsehturm – anche lei qui dal 1969. E’ il simbolo per eccellenza di Berlino e fu voluta dal Partito Comunista come dimostrazione della superiorità tecnologica della parte Est rispetto a quella Ovest. La si vede da ovunque ci si trovi in città e alla fine della settimana ci s’era anche un po’ affezionati.

Noi non ci siamo saliti perchè abbiamo preferito fare, il primo giorno, il meno turistico e scontato Panoramapunkt. Tra l’altro anche più economico. Per salire sulla Torre della Tv, se si vogliono evitare le code alla biglietteria, c’è la possibilità di fare i biglietti online, però pagando di più. Se però avete la Berlin WelcomeCard e fate i biglietti lì sul posto avrete il 25% di sconto. A voi la scelta tra spendere meno o saltare le code. Qui per i prezzi aggiornati. L’ascensore porta a più di 200 metri d’altezza dove si può ammirare Berlino a 360° e dove si trovano anche un bar e un ristorante.
Sotto la Torre della TV ci sono dei tappeti elastici gratuiti che possono intrattenere i bambini durante le code.

ROTES RATHAUS
berlino 683Proseguendo il nostro itinerario l’attenzione si sposta su un grande edificio di mattoni rossi: è il Rotes Rathaus ovvero il Municipio Rosso. Sul palazzo è scolpita, su mattonelle di terracotta, la storia della città fino al 1871.
FONTANA DEL NETTUNO
Dall’altro lato della piazza i bambini si divertiranno con i giochi d’acqua e con la Fontana del Nettuno – Neptunbrunnen – dove dovranno cercare gli animali che spuntano dall’acqua come il serpente, il coccodrillo o la tartaruga.berlino 129Da qui potrete entrare dentro alla Marienkirche, tra le Chiese più antiche di Berlino, dove proprio all’ingresso si trova un affresco chiamato La Danza della Morte!berlino 121
AQUADOM & SEALIFE
A questo punto tutti pronti per l’Acquario di Berlino che è composto dal Sealife – le vasche dei pesci – e l’Aquadom – un ascensore di vetro che attraversa una vasca cilindrica alta 25 metri con tanti pesci tropicali. Premettendo che ai bambini è piaciuto moltissimo – 4 e 7 anni – non aspettatevi chissà cosa. Se avete visitato gli Acquari di Genova o Valencia non c’è proprio confronto ma sicuramente merita l’Aquadom. Entrare in questo ascensore enorme di vetro e fluttuare insieme ai pesci colorati può essere una cosa originale. Tutto l’Acquario si visita abbastanza velocemente perchè non è grande e tra squali, razze, cavallucci, granchi giganti e perfino un labirinto di specchi divertentissimo il tempo vola!

Aquadom & Sealife  Come per le altre attrazioni con la Welcome Card si ha lo sconto del 30%. Vi rimando al sito per i prezzi aggiornati, i ridotti e gli eventuali sconti.
DDR MUSEUM
Dopo l’Acquario per i bimbi, è il momento di un museo per noi grandi ovvero il DDR Museum. Appena entrati scopriamo che è adatto anche ai bambini perchè si può – anzi, si deve – toccare tutto. Per scoprire come si viveva realmente nella Germania dell’Est si possono frugare zaini di scuola, sfogliare quaderni, giocare nell’asilo, aprire armadi, dispense e cassetti. Guidare virtualmente una Trabant, la macchina del Regime, ascoltare la musica, guardare la televisione, vivere in un appartamento dell’epoca perfettamente e maniacalmente ricostruito. Immaginate bambini che possono ciacciare ovunque.. questo museo si è inaspettatamente rivelato tra le migliori esperienze di tutta la vacanza. Secondo me è tra le cose da non perdere se si visita Berlino: questo museo ti butta letteralmente dentro, con tutti e due i piedi, ad un periodo difficile e delicato della storia tedesca. Poter toccare con mano aiuta a capire, e soprattutto ad approfondire, il modello comunista tedesco. Non c’è miglior modo se non attraverso le vite di chi lo viveva quotidianamente, anche suo malgrado.

 

DDR Museum Qui il sito per consultare prezzi e orari aggiornati. Con la Welcome Card si ha uno sconto del 25%.
Usciti dal Museo, di fronte, si trova un molo dal quale partono delle imbarcazioni per scoprire Berlino da un punto di vista diverso: quello dall’acqua. Ci sono molte compagnie con differenti offerte: dal giro in battello di un’ora a quello più lungo fino a Potsdam.
LUNGO LA SPREAberlino 213Noi abbiamo deciso di fare una passeggiata a piedi, lungo il fiume, fiancheggiando l’Isola dei Musei da una parte, e dall’altra giardini verdi dove fermarsi a bere una birra ascoltando musica di qualche artista di strada. Il sole sta lentamente scendendo e colora di rosso tutta Berlino, si riflette sulla Sprea, sulle vetrate dei palazzi, sui bicchieri e sugli umori. I bambini trovano l’ennesimo giardino, di quelli come usano qui, con sabbia e giochi atletici. Giochi, musica dal vivo, rumore di pinte che brindano, voci alte ed allegre e Berlino ora e qui davanti a noi.

Una settimana a Berlino con bambini: cosa fare e info pratiche.
Berlino con bambini, primo giorno: Potsdamer Platz, Sony Center, Legoland e Panoramapunkt
Berlino con bambini, terzo giorno: Giro della città col Bus 100, Zoo e Chiesa della Commemorazione
Berlino con bambini, quarto giorno: Checkpoint Charlie, Porta di Brandeburgo, Holocaust Mahnmal e Pergamonmuseum.
Berlino con bambini, quinto giorno: East Side Gallery, Volkspark Friedrichshain e visita al tramonto del Reichstag.

Autore dell'articolo: Elisa

18 commenti su “Berlino con bambini, secondo giorno: Alexanderplatz, Torre della TV, Aquadom e DDR Museum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *