Mauritius: dalla costa di Flic en Flac all’Isola dei Cervi

Io ferma in un villaggio proprio non ci sono mai stata e molto probabilmente non ci starò mai per almeno i prossimi venti anni… a meno che non mi rompa una gamba, ovvio!

Quando siamo partiti per quest’Isola, alla deriva nell’Oceano Indiano, al largo della Costa Orientale Africana, avevamo prenotato un villaggio. Ovvio.

Sì, CREDO nella coerenza ma non la pratico. Insomma, credente non praticante.

Ma non sempre. Ovvio.

Dicevo. Sì, il villaggio. Per la nostra settimana a Mauritius, in agosto, abbiamo optato per un all-inclusive al Calodyne sur Mer a Grand Gaube, a nord est dell’isola. Ma alla fine solo per dormirci dato che abbiamo noleggiato una macchina che ci ha trasportato per quasi l’intera isola e per buona parte della giornata. Pranzo a sacco compreso e… via!

Ora il Villaggio era incantevole, con casette color pastello affacciate sul mare, grande piscina, la zona ristorante con vista mare e annesse tende bianche svolazzanti al vento che fanno così free white chic. Sì, me la sono inventata ora. Che però, se si traduce in toscano, altro non è che maremma come me la godo! calodynecalodyne sur mer mauritiusTornavamo la sera per goderci tramonti così.mauE ci svegliavamo la mattina con albe così.alba mauritiusRoba di ordinaria amministrazione, insomma.

Per il resto della giornata andavamo in esplorazione. E quello che è venuto fuori è stato bello e inaspettato. Inaspettato perchè mi immaginavo la classica isola che, oltre al mare e alle spiagge di sabbia bianca, aveva poco altro da offrire. Niente di più sbagliato.

Giardini botanici con piante rare e secolari; parchi nazionali con cascate, laghi, gole e montagne boscose; villaggi di pescatori; una capitale dove, senza nessun artificio turistico, si entra dentro alla vita quotidiana dei mauriziani; sport acquatici; chiesette in riva al mare con tetti rossi, piccioni rosa e tartarughe centenarie; terre colorate chiamate dai sette colori.

Mauritius è un’isola relativamente piccola e una settimana è tempo più che sufficiente per farsi un’idea di questa terra di origine vulcanica a 800 km dal Madagascar.

Ma partiamo da alcune delle sue spiaggie più belle. Una ad ovest, Flic en Flan, e l’altra ad est che, più che una spiaggia, è una piccola isola: l‘Isola dei Cervi.

Costa di Flic en Flac

Questo tratto di costa si affaccia sul lato occidentale dell’ isola ed è indiscutibilmente turistico. E’ anche vero che si affaccia sulla barriera corallina ed è qui soprattutto che ci si può cimentare negli sport acquatici. Immersioni comprese. L’acqua cristallina e la sabbia, che sembra borotalco, fanno il resto.spiaggia flickspiaggia flockspiaggia flikmauritius flic e flacCome potete vedere anche la vegetazione dietro ci mette del suo per rendere questo posto incantevole.

Ci si arriva comodamente con l’auto che si parcheggia a pochi passi dal mare e sotto le alte piante ombrose. Alcuni tratti di costa sono di proprietà dei vari resort ma c’è anche moltissima spiaggia libera. E nemmeno affollata. Una meraviglia.

Isola dei Cervi

Nella parte orientale di Mauritius, invece, si trova questo isolotto che deve il suo nome all’antica presenza di cervi importati dagli olandesi per usarli nelle loro battute di caccia. Ci si arriva solo tramite catamarano o barca dei pirati e anche qui gli sport acquatici sono talmente tanti che sono riuscita a farne uno anch’io. Ho volato, trainata da un motoscafo, sopra una mega piscina naturale. La bellezza.sport isola cervi2007-08-17_12-46-532007-08-17_12-46-40Ora, non pensate di essere soli in quest’isola. E nemmeno in pochi. No. L’isola è invasa dai turisti. Soprattutto dove attraccano i catamarani e si trova un chiosco. A tratti direi che è invivibile e ti strappa via quella speranza di trovare un posticino isolato tutto per te. Fino a quando…

Fino a quando con la barca non ci hanno portato in una caletta pressochè deserta. E mentre noi eravamo intenti a fare il bagno, a fotografare di qua e di la’, c’era chi ci stava preparando pesce alla brace solo per noi. Di quello fresco. Da mangiare con i piedi sotto la sabbia fine e fresca dell’ombra. Bere giusto quel poco che basta per sciogliersi con quelli del posto. Che qui ci lavorano.2007-08-17_14-45-452007-08-17_13-43-262007-08-17_13-43-03A pancia piena, ma non troppo sennò non fa chic, abbiamo ripreso la barca che ci ha portato un po’ a giro per questo isolotto dalle acque meravigliose ma anche da una vegetazione spettacolare.cascate1cascateQui siamo alla Grand Riviere Sud Est, un meraviglioso fiume che poi si tuffa sul mare.

Presto vi svelerò altri angoli di questa isola dalle mille sorprese, intanto se vi è venuta voglia di partire vi lascio qualche info:

Quando Andare:

Direi sempre. Da novembre ad aprile la temperatura è più alta e raggiunge i 32°. Ma maggio a ottobre la chiamano bassa stagione e la temperatura si aggira sui 26°. Io sono andata ad agosto, quindi in bassa stagione, eppure ho trovato prevalentemente bel tempo con solo qualche pioggia.

Mauritius con bambini: i Mauriziani sono molto gentili e cordiali e i bambini sono i benvenuti. Poi il fatto che non ci vuole nessuna vaccinazione obbligatoria convince maggiormente a partire con tutta la ciurma. Le distanze sono brevi, ci si sposta da una costa all’altra molto bene.

 

 

 

 

Autore dell'articolo: Elisa

16 commenti su “Mauritius: dalla costa di Flic en Flac all’Isola dei Cervi

    pikaciccio

    (Maggio 9, 2017 - 10:42 am)

    CHE VOGLIA DI PARTIRE

      Elisa

      (Maggio 14, 2017 - 9:01 am)

      Eh davvero…poi con questo grigiore – almeno da me – la voglia aumenta!! Intanto si sogna pero’!!

    vivereinblu

    (Maggio 9, 2017 - 12:03 pm)

    Ti invidio, spiagge e mare bellissimi

      Elisa

      (Maggio 14, 2017 - 9:03 am)

      Splendidi!! E anche l’interno e’ stato assolutamente una sorpresa! Mauritius e’ un’isola veramente sfaccettata.

    Iniziaaviaggiare

    (Maggio 10, 2017 - 7:14 am)

    Che voglia di partire!!

      Elisa

      (Maggio 10, 2017 - 8:39 am)

      Davvero.. mentre scrivevo mi è preso uno scompenso ; )

    […] già vi dicevo in questo post Mauritius: dalla costa di Flic en Flac all’Isola dei Cervi, durante la nostra settimana in agosto a Mauritius abbiamo alloggiato in un villaggio sulla costa […]

    […] via Mauritius: dalla costa di Flic en Flac all’Isola dei Cervi — fiorentinadoc […]

    Paola

    (Marzo 16, 2018 - 10:07 am)

    Io posti del genere per ora me li sono solo sognati! Spero, prima o poi, di poterli vivere a occhi aperti!

      Elisa

      (Marzo 16, 2018 - 2:05 pm)

      Te lo auguro di cuore!!

    claireinsicily

    (Marzo 25, 2018 - 5:56 pm)

    Guarda nemmeno io sono da villaggio turistico ma ogni tanto ci sta proprio un po’ di sano relax! Comunque posti incantevoli che mi ricordano molto le Seychelles

      Elisa

      (Marzo 25, 2018 - 8:39 pm)

      Ecco le Seychelles sono un sogno nel cassetto tipo da 20 anni…

    ilgustoinviaggio

    (Aprile 14, 2018 - 1:49 pm)

    Uno dei luoghi che prima di morire vorrei visitare! un vero paradiso!

      Elisa

      (Aprile 14, 2018 - 4:06 pm)

      Te lo auguro di cuore!

    Occhio allo Scatto

    (Aprile 22, 2018 - 9:29 pm)

    Che Paradiso, il tempo di fare la valigia e partiamo ahahahhaha Un pò di relax ci vorrebbe 🙂

      Elisa

      (Aprile 23, 2018 - 6:22 am)

      Davvero!! Io quest’anno particolarmente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *