MONTESCUDAIO, il borgo sospeso tra terra e mare

MONTESCUDAIOIMG_1708In questo piccolo borgo toscano, che fa parte vella Val di Cecina ma anche della più ampia Costa degli Etruschi, si respira la vera aria Toscana. Innanzitutto perchè non è turistico, come invece può esserlo Bolgheri; inoltre non è molto popolato ed è immerso in una natura incontaminata. Gli scorci che regala sono magici ma soprattutto io li trovo veramente autentici e senza tempo. Insomma non costruiti ad hoc per i turisti.IMG_1695IMG_1732IMG_1697Perdersi nelle viuzze al tramonto, quando l’ultima luce del sole illumina le pareti delle case e la pietra rilascia quel calore tiepido e confortante di fine giornata, è sicuramente il miglior momento per apprezzare questo borgo e farsi inebriare dai profumi della macchia circostante e dall’ odore dell’acqua salata del Mar Tirreno, che da qui dista solo pochi chilometri e che dalla cima della collina, giuro, si sente. IMG_1729IMG_1701Ed in cima alla collina, dominando il paese, si erge l’ antica Abbazia di Santa Maria Assunta, risalente al XII secolo e successivamente ricostruita dopo il terremoto del 1846. Da qui si gode un panorama meraviglioso. Correre o giocare a nascondino intorno alla Torre della Guardiola, oppure fare merenda su una panchina del piazzale del Castello, intratterrà i bambini mentre voi vi godrete il panorama, vi sussurrerete cose romantiche – o sconce – all’orecchio, vi prometterete vino rosso a volontà a cena. Ok, fine del film. Andate di corsa a recuperare i bambini che nel frattempo avrete perso.IMG_8696A Montescudaio ci sono anche numerosi imponenti palazzi nobiliari di fine Ottocento come Villa Marchionneschi, Villa Pucci e Palazzo Surbone.

IMG_8703IMG_8690

IMG_8698Ma adesso viene il bello.

Montescudaio fa parte dell’Associazione Nazionale Città del Vino e infatti ha una propria denominazione di origine controllata (DOC) sia per il vino rosso che per il bianco. La prima settimana di ottobre, da ormai 50 anni, si tiene la Festa del Vino dove è possibile fare degustazione a 360° del Montescudaio DOC; ma non solo, dato che c’è street food, mercatino artigianale, mostre, etc.

Ma è anche città del pane e città dell’olio. Quando siamo in zona per noi è tappa fissa fermarsi all’antico forno a legna del paese che produce il tipico pane toscano. Tra l’altro si conserva benissimo e dopo una settimana è sempre buono. Casomai gli ultimi giorni aiutandosi con un po’ di cinta di cinghiale da comprare nella macelleria vicina.IMG_8702IMG_1706

DOVE DORMIRE

A questo giro niente agriturismi o alberghi o altre sistemazioni del genere. No. Questa volta si va in campeggio, e più precisamente al Camping Village Montescudaio.

Ve lo segnalo perchè è qui che Lui e la sua famiglia hanno trascorso per 15 anni le loro vacanze estive. E ci sarà un motivo per andarci tutti questi anni, nooo?

Beh, in effetti ce ne è più di uno.

  •  E’ immerso in un bosco vergine mediterraneo (non so che vuol dì di preciso ma mi fido) di 170.000 mq. Quindi non avrete problemi di tende al sole, dalle quali scappare la mattina, perchè state facendo la sauna.
  • E’ a soli 4 km dal mare ma allo stesso tempo vi sembrerà di stare nella Foresta Nera (più o meno e comunque nel senso buono)
  • Ci sono piazzole ma soprattutto, parlo per me, affittano caravans, bungalows fino a sette posti. E da quest’anno c’è la linea Safari che ha trasformato il Campeggio in Glamping.
  • Ma la cosa che più mi ha fatto innamorare di questo posto sono le piscine. Una meraviglia sia per gli adulti che per i bambini. Due piscine per adulti, un idromassaggio e una piscina per bambini con acqua bassa e giochi e scivoli colorati.

IMG_5525IMG_6192IMG_6193IMG_6194Tutto intorno verde e ombra.

Qui il sito per maggiori informazioni.

Non posso finire questo post senza dirvi che a 15 km da Montescudaio si trova, proprio sull’Aurelia, una fattoria, la Fattoria di Sant’Anna.

Ci sta che il nome già vi dica qualcosa, perchè i loro prodotti vengono spesso venduti in diverse zone. O almeno io li ho trovati spesso. Ma qui alla Fattoria comprerete direttamente a Filiera Corta. Io di solito con la scusa di questo sugo lo regalo a nonna, questi sottòli e sottaceti invece son per mamma, le marmellate per noi e anche tutto il resto, ci lascio mezzo stipendio. Quindi occhio, io vi ho avvertiti.

Se volete approfondire: Fattoria Sant’Anna.

Se vi trovate nei paraggi, o state decidendo che questa zona è perfetta per una vostra vacanza, andatevi a leggere anche gli altri post:

Costa degli Etruschi: Bolgheri e Castagneto Carducci

Costa degli Etruschi: Populonia e Baratti

Costa degli Etruschi: Castiglioncello, la vintage.

 

 

 

 

Autore dell'articolo: Elisa

4 commenti su “MONTESCUDAIO, il borgo sospeso tra terra e mare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *