Valle Aurina: Campo Tures, Castel Taufers, Lutago e Rio Bianco.

Come già vi dicevo qui la Valle Aurina lascia il segno. Strega, avvolge, incanta, meraviglia, insomma come volete voi, ma certo non lascia indifferenti.

Le cose da fare sono molteplici e anche con i bambini avrete l’imbarazzo della scelta.

Se con questo post vi ho portato alle Cascate di Riva, e con questo su una pista da bob adrenalinica, oggi la giornata sarà lunga e piena di sorprese.

Campo Tures

Sarà proprio questo paese, entrando in Valle Aurina, a darvi il benvenuto. Con i suoi prati verdi, le montagne che sembrano fare a gara a chi ha la cima più alta, i negozi di artigianato locale, la tranquillità surreale della Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta, l’odore antico e la luce speciale.

img_4335
Chiesa Santa Maria Assunta in Campo Tures

E l’atmosfera. Quella che senti, vedi ovunque, è palpabile ma non puoi esprimerla o descriverla con le parole. C’è e te la godi. Fine.

Nel paese c’è un negozio di souvenir che piacerà molto ai bambini in quanto abitato da tante creature magiche e misteriose, in legno, meccaniche, che suoneranno per voi. Un vero spettacolo. Non potrete sbagliarvi perchè davanti ad esso c’è sempre un capanello di gente con la testa e gli occhi all’insù.img_4356img_4350Vi saluterà, invece, alla fine della strada principale, non senza incutervi un po’ di affascinante soggezione, Castel Taufers. Uno dei castelli più belli dell’Alto Adige, in una posizione splendida, proprio a dominare la vallata. Con le sue tante torri appuntite e le finestre strette e scure che sembrano schizzate a matita.castello_di_tures_2E’ visitabile sia con la guida che senza.

Ci si addentra in un mondo fatto di dame, cavalieri e draghi. In un’atmosfera medievale, dove le mura e le travi in legno raccontano e custodiscono storie affascinanti e segreti inquietanti. img_4778img_4770img_4763Come la leggenda di Margherita, che, dopo aver perso il suo amore, il giorno delle nozze, per mano della famiglia, si rinchiuse per sette anni in una stanza e poi vi si uccise buttandosi dalla finestra. Si narra che le grida e i lamenti della fanciulla, in certe notti, ancora riecheggiano nelle stanze del maniero. D’altronde ogni castello che si rispetti ha il proprio tormentato fantasma, no?img_4775img_4769La Sala dei Giudizi, la Stanza delle Streghe affascinano e incutono allo stesso tempo. Insomma, a riuscir fuori da quelle stanze, al giorno d’oggi, ero di molto contenta!

LUTAGO

Questo piccola frazione si incontra uscendo da Campo Tures, dopo qualche chilometro, in direzione Predoi. Anche se apparentemente sembra uno di quei posti dove non fermarsi necessariamente, ma da godersi solo dal finestrino, beh, no. Fermatevi. Qui c’è un magnifico museo dei presepi (in caso di pioggia tatticissimo), un centro ippico dove portare i vostri piccoli amazzoni a provare l’ebrezza di una passeggiata a cavallo, un ristorante caratteristico con un’area giochi per bambini in pieno stile Alto Atesino ovvero io mangio tranquilla a sedere, loro – i nani – giocano beati e indisturbati tra acqua, terra, carriole e giochi.

Museo d’Arte Popolare e dei Presepi Maranathaimg_4254Varcando il suo ingresso si entra nel famoso mondo dell’intaglio tirolese.. e non solo, dato che il museo ospita presepi provenienti da tutto il mondo. Poi metti le luci e i suoni giusti…. beh, l’atmosfera magica è assicurata!

Qui si trovano presepi contadini, orientali, in miniatura, a grandezza naturale, antichi di 300 anni, con romantici cieli stellati e via dicendo; stanza dopo stanza, arriverete alla fine con la convinzione che il prossimo Natale farete un presepe manco Mastro Geppetto! Insomma i classici buoni propositi fatti per non essere mantenuti.

Se nonostante tutto avete deciso di intagliarvi il presepe da soli, poterete sempre prendere spunto dall’artista che trovate proprio lì, nel suo atelier.

Per info su orari e prezzi: www.krippenmuseum.com

Maneggio Herbert di Lutagoimg_3339Proprio di fronte al Museo dei Presepi si trova un maneggio. Qui, per la prima volta, il mio bimbo grande ha provato l’emozione di stare in sella ad un cavallo. Via, un pony. E di fare una breve, ma intensa, uscita. Accompagnato, naturalmente. Ma lui si è divertito un monte.. e noi a fargli le foto!img_3337Per info su orari e prezzi: Maneggio Herbert di Lutago

Noi comunque non avevamo prenotato niente. Abbiamo improvvisato tutto lì sul momento.

Tra il maneggio e il Museo dei Presepi c’è un posticino dove mangiare senza pretese. E’ un mix tra locale tirolese e pub inglese. Ma la cosa tattica è che c’è una bella area giochi. Non potete sbagliarvi. Poi sono sicura che se non lo vedete voi, ci penseranno quelli bassi a trascinarvici.img_4264img_4280

Rio Bianco

A pochi chilometri da Lutago (6 per la precisione), inerpicandosi per una strada meravigliosa, si trova questo paese da cartolina. Qui c’è un percorso kneipp in mezzo al verde che più verde non si può. Tutto curatissimo, tra l’altro in maniera volontaria dalle donne del paese. Sì, Heidi col nonno la potete vedere in lontananza.img_4542Per la precisione ci sono tre percorsi in mezzo alla natura: il percorso delle erbe, di attività fisica e Kneipp. A voi la difficile scelta!img_4536Sì, noi ci beviamo anche l’acqua kneipp dove gli altri ci tuffano i piedi! Siam tipi tosti!

Qui sotto trovate le nostre passeggiate, itinerari, escursioni in Alto Adige con i bambini:

Valle Aurina e Val di Tures: le Cascate di Riva.

Val Gardena – Vallunga per famiglie

Val D’Anna con bambini

Alpe di Siusi: laghetti di Fiè e Malga Tuff

Monte Pana in Val Gardena -Bimbi felici, genitori ancor di più.

Naturonda – Città dei Sassi al Passo Sella

Val Pusteria: Maso delle Erbe a Montevila

E i nostri meravigliosi masi, dove abbiamo alloggiato in Alto Adige.

 

Autore dell'articolo: Elisa

5 commenti su “Valle Aurina: Campo Tures, Castel Taufers, Lutago e Rio Bianco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *